Tutti i vincitori del festival di Sanremo, dalla prima edizione ad oggi

Tra pochi giorni inizierà la 74esima edizione del festival di Sanremo, per l’occasione, ricordiamo tutti i vincitori nella storia della kermesse.

Cantanti vincitori di Sanremo
Cantanti vincitori di Sanremo (Blueshouse.it)

Sanremo 2024 sta per prendere il via, con la sua 74esima edizione, e sale l’attesa in tutta l’Italia. Il festival canoro più antico e prestigioso focalizza grande attenzione, per diverse settimane, ed è divertente scoprire i singoli brani in gara, parlare degli artisti e della loro esibizione. Tra l’altro, sul palco dell’Ariston ci si aspettano sempre tante sorprese e curiosi siparietti.

Anche quest’anno troviamo il conduttore Amadeus, uno dei migliori, sicuramente perfetto nel ruolo di padrone di casa. A proposito di Amadeus, sapere quanto guadagna per condurre il festival? Certo, il guadagno non è relativo alle cinque giornate, perché per preparare una manifestazione del genere ci vogliono circa sette mesi.

Ripercorrendo la storia di Sanremo, ricordiamo tutti i vincitori del festival

La vittoria di Eros Ramazzotti nel 1984
La vittoria di Eros Ramazzotti nel 1984 (Blueshouse.it)

Ricordate tutti i vincitori del festival, partendo dalla prima edizione del lontano 1951? Nella lista troviamo brani entrati nell’immaginario collettivo, che hanno fatto la storia della musica italiana. In altri casi, pezzi belli ma forse sopravvalutati. In altri ancora, canzoni giustamente lasciate nel dimenticatoio, vincitrici del festival perché miracolate.

La prima a vincere è stata Nilla Pizzi, per ben due volte consecutive, nel 1951 e nel 1952, con i brani “Grazie dei fiori” e “Vola colomba”. Brani leggendari. Nel 1953 è la volta di Carla Boni con “Viale d’autunno”, un brano forse dimenticato, ma meraviglioso nella sua struggente malinconia. Giorgio Consolini ha vinto nel 1954 con “Tutte le mamme”, poi tocca a Claudio Villa con “Buongiorno tristezza”.

Franca Raimondi ha vinto nel 1956 con “Apri le finestre”, l’anno seguente tornata alla vittoria Claudio Villa, con “Corde della mia chitarra”. Il 1958 resta indelebile con Domenico Modugno e la canzone italiana più famosa sul pianeta “Nel blu dipinto di blu”, il quale replica nel ’59 con “Piove (Ciao ciao bambina)”. Nel 1960 ha vinto Tony Dallara con “Romantica”.

Le canzoni entrate nella storia della musica italiana

Betty Curtis cantava “Al di là” nel 1961, poi ancora Modugno trionfa con “Addio Addio” nel 1962, per poi passare il testimone a Tony Renis con “Uno per tutte”. Il 1964 è l’anno di Gigliola Cinquetti con “Non ho l’età (Per amarti)”, nel 1965 Bobby Solo con il brano “Se piangi se ridi”. Nel ’66 trionfa per l’ennesima volta Modugno con “Dio come ti amo”.

Nel 1967 fa ritorno Claudio Villa con “Non pensare a me”, Sergio Endrigo è stato il vincitore nel 1968 con “Canzone per te”, dunque Iva Zingara con “Zingara”. Adriano Celentano e Claudia Mori hanno vinto l’edizione nel 1970 con “Chi non lavorano non fa l’amore”, a seguire Nada e Nicola di Bari con “Il cuore è uno zingaro”. Nel ’72 ancora Nicola di Bari con “I giorni dell’arcobaleno”.

“Un grande amore e niente più” è stata la canzone vincitrice del ’73, cantata da Peppino Di Capri. Iva Zanicchi ha vinto ancora nel 1974 con “Ciao cara come stai?”. Negli seguenti i vincitori sono statti Gilda con “Ragazza del sud”, Peppino Di Capri con “Non lo faccio più”, gli Homo Sapiens con “Bella da morire”, Matia Bazar con “…e dirsi ciao!”, Mino Vergnaghi con “Amare”, Toto Cutugno con “Solo noi”.

Il percorso del festival con le 74 canzoni

Alice ha vinto nel 1981 con la leggendaria “Per Elisa”, Riccardo Fogli con “Storie di tutti i giorni”, Tiziana Rivale con “Sarà quel che sarà”, poi è stata la volta di Al Bano e Romina Power con “Ci sarà”. Nel 1985 hanno trionfato i Ricchi e Poveri, anche quest’anno in gara, con “Se m’innamoro”, seguiti da Eros Ramazzotti con “Adesso tu”, il 1987 è l’anno del trio Gianni Morandi, Enrico Ruggeri e Umberto Tozzi con “Si può dare di più”.

“Perdere l’amore” di Massimo Ranieri ha vinto Sanremo 1988, Anna Oxa e Fausto Leali hanno vinto con “Ti lascerò”. Gli anni ’90 si sono aperti con la vittoria di “Uomini soli” dei Pooh, “Se stiamo insieme” di Riccardo Cocciante, “Portami a ballare” di Luca Barbarossa, “Mistero” di Enrico Ruggeri, “Passerà” di Aleandro Baldi, e poi la splendida “Come saprei” di Giorgia.

Ron e Tosca hanno vinto con “Vorrei incontrarti fra cent’anni”, i Jalisse con la mitica “Fiumi di parole”, scartati anche quest’anno, Annalisa Minetti con “Senza te o con te”, Anna Oxa con “Senza pietà”, e nel 200 gli Avion Travel con “Sentimento”. Elisa ha vinto nel 2001 con “Luce”, i Matiza Bazar nel 2002 con “Messaggio d’amore”, Alexia con “Per dire di no”, Marco Masini con “L’uomo volante”.

I brani più recenti di Sanremo, a un certo punto la qualità di abbassa nettamente

Francesco Renga ha trionfato con il primo singolo solista “Angelo”, poi è stata la volta di Povia con “Vorrei avere il becco”, Simone Cristicchi con “Ti regalerò una rosa”, Giò Di Tonno e Lola Ponce con “Colpo di fulmine”, Marco Carta con “La forza mia”, Valerio Scanu con “Per tutte le volte che…”. Roberto Vecchioni ha vinto nel 2011 con “Chiamami ancora amore”, seguito da Emma con “Non è l’inferno”.

Marco Mengoni e la sua “Essenziale”, Arisa con “Controvento”, Il Volo con “Grande Amore”, gli Stadio con “Un giorno mi dirai”, Francesco Gabbani con “occidentali’s Karma”, Ermal Meta e Fabrizio Moro con “Non mi avete fatto niente”, Mahmood con “Soldi”, Diodato con “Fai rumore”, Maneskin con “Zitti e buoni”, Mahmood e Blanco con “Brividi”, fino all’ultima vittoria di Marco Mengoni con “Due vite”.

Impostazioni privacy