Sanremo 2025, i nomi in lizza per il presentatore lasciano senza parole: uno di loro è amato dagli italiani

È vero e proprio casting per Sanremo 2025, con qualche possibilità concreta ed anche una formula quasi inedita, chi c’è in lizza.

Tre nomi per la conduzione di Sanremo 2025 più una ipotesi "allargata"
Teatro Ariston (Blueshouse.it)

Sanremo 2025 sta già diventando appassionante ma non perché ci siano già in giro indiscrezioni su chi andrà a cantare. Da questo punto di vista è ancora molto presto e non è possibile conoscere con così largo anticipo i nomi sui concorrenti e sugli ospiti della manifestazione.

Le discussioni stanno invece avendo luogo per quanto riguarda chi riceverà l’incarico di presiedere la conduzione e la direzione artistica dell’evento. Fino ad ora abbiamo solamente una certezza, e cioè che non ci sarà più Amadeus. Sia lui che Fiorello hanno preso la decisione di fermarsi e di chiudere un quinquennio di trionfi per loro, per il Festival e per la Rai.

Che quindi ora si ritrova nella situazione di dovere organizzare tutto da zero, a cominciare dalle fondamenta. La presenza di Amadeus portava ad avere in pratica già metà del lavoro come svolto. Ora invece, in ottica Sanremo 2025, servirà trovare prima di tutto la persona giusta da porre alla guida di tutto.

Ci sono tre nominativi sui quali le attenzioni degli alti dirigenti Rai si starebbero concentrando. E sono tutti e tre di altissimo rango nel mondo dello spettacolo, con tra l’altro un percorso assai diverso rispetto a quello intrapreso sia da Amadeus che da chiunque altro abbia preceduto il ravennate.

Sanremo 2025, lotta a tre per il posto di conduttore e direttore artistico

Tre nomi per la conduzione di Sanremo 2025 più una ipotesi "allargata"
Teatro Ariston Sanremo (Blueshouse.it)

Quali sono questi nomi in ballo? Uno è quello di Alessandro Cattelan, che da tre anni sta facendo molto bene in Rai dopo un lungo periodo vissuto a Sky. Lui è un one man show in piena regola, che saprebbe senz’altro ben figurare davanti alla platea sanremese.

Un altro è Gigi D’Alessio, che da decenni è attivo nel mondo della musica e che, da più giovane, non aveva disdegnato anche un percorso come attore. Ma negli ultimi anni, alla sua attività da cantautore, il 57enne di Napoli ha affiancato anche quello della conduzione televisiva e del giurato in diversi talent canori.

Infine ci sarebbero altri due candidati, entrambi “ufficiosi”. Ma con uno da potere inserire a tutti gli effetti all’interno del ventaglio di possibilità da prendere eventualmente al vaglio in viale Mazzini. Abbiamo da una parte Stefano De Martino, che sta scalando posizioni ottenendo un ottimo apprezzamento. E poi Morgan, che si è autoproposto e che senz’altro porterebbe ad un Festival di Sanremo diverso dal solito.

Per finire, c’è anche chi ipotizza una conduzione a tre con altri vip. Il settimanale “Chi” parla ad esempio di Mara Venier, Alessia Marcuzzi e dello stesso Alessandro Cattelan, per quella che sarebbe una formula a tre comunque non inedita.

Abbiamo già visto una soluzione simile in tempi più recenti con il terzetto formato da Claudio Baglioni, Claudio Bisio e Virginia Raffaele nel 2019. E dallo stesso Baglioni con Michelle Hunziker e Pierfrancesco Favino l’anno precedente. Nel 1989 invece furono addirittura quattro i presentatori: Rosita Celentano, Paola Dominguín, Danny Quinn e Gianmarco Tognazzi.

Poi c’erano state anche formule particolari: basti pensare a Mike Bongiorno con Piero Chiambretti e Valeria Marini nel 1997, a Raimondo Vianello con Eva Herzigova e Veronica Pivetti nel 1998 ed a Paolo Bonolis con Antonella Clerici e Federica Felini nel 2005. Tutte queste spalle ebbero un ruolo maggiore rispetto a quello di semplice supporto.

Impostazioni privacy