Donna Imma pronta a tutto: spunta la soluzione impensabile per salvare il suo Castello

C’è una linea precisa che Donna Imma Polese e famiglia intendono mettere in atto per impedire la chiusura del Castello delle Cerimonie. Cosa potrebbe accadere a La Sonrisa.

Cerimonie, qual è la strategia di Imma Polese e famiglia per salvare La Sonrisa
Imma Polese (Blueshouse.it)

Il Castello delle Cerimonie è stato chiuso in maniera improvvisa e la notizia ha letteralmente scioccato migliaia e migliaia di persone. La famosa struttura “La Sonrisa” di Sant’Antonio Abate, in provincia di Napoli, ha subito un provvedimento di cessazione dell’attività a causa di una riscontrata lottizzazione abusiva.

La cosa è sconcertante perché il Castello delle Cerimonie ha una importanza capitale per quanto riguarda il tessuto economico locale. A “La Sonrisa” lavorano centinaia di persone e sono più di duecento le famiglie che adesso rischiano di trovarsi senza la loro principale fonte di reddito.

L’attività della famiglia Polese, che va avanti sin dalla fine degli anni Settanta, è diventata molto famosa all’incirca una decina di anni fa. A quei tempi sorse il reality “Il boss delle cerimonie” che vedeva il capofamiglia Antonio Polese come protagonista assieme ai suoi famigliari.

Il ristorante ed albergo di enorme dimensioni, che sorge su di un’area di 44mila metri quadri nella già citata Sant’Antonio Abate, ha visto poi la figlia di Antonio Polese, Imma, fre da figura principale nella gestione della struttura di ristorazione e ricettiva.

Il Castello delle Cerimonie, Donna Imma Polese passa al contrattacco

Cerimonie, qual è la strategia di Imma Polese e famiglia per salvare La Sonrisa
La Sonrisa (Blueshouse.it)

Stando così le cose, ad oggi resterebbero due soluzioni nell’immediato. Una prevede l’abbattimento totale del Castello delle Cerimonie, ma rappresenta una eventualità che proprio nessuno intende perseguire. L’altra invece punta sulla trasformazione della struttura in una opera di pubblica utilità.

Donna Imma Polese ed i suoi parenti però non se ne staranno con le mani in mano. E questa cosa l’ha sottolineata in maniera chiara l’avvocato della famiglia Polese, il professor Vincenzo Maiello. Quest’ultimo ha affermato a fanpage di stare provvedendo a studiare ad una precisa strategia che punta anche a presentare un ricorso alla Corte dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo.

La linea base da seguire sarà la tutela dei tanti posti di lavoro, sia a tempo indefinito che stagionali, che interessano oltre duecento persone. Ed il legale dei Polese punterebbe a fare in modo che il Comune di Sant’Antonio Abate assegni a quest’ultimi la struttura in comodato d’uso.

Il discorso è complesso ma gli storici proprietari del Castello delle Cerimonie nutrono buone possibilità di riavere quello che è loro, nonostante le situazioni contestate loro. Intanto ci si chiede che cosa accadrà a tutte quelle persone che avevano prenotato anche da tempo a “La Sonrisa” per i festeggiamenti di eventi di varie tipologie.

Il Castello delle Cerimonie è famoso soprattutto per i banchetti nuziali ma anche per feste di compleanno, di laurea, comunioni e tanto altro. Con persone che da sempre provengono da ogni zona della Campania ma anche dal resto d’Italia.

Impostazioni privacy