Castello delle Cerimonie, cosa succederà adesso a chi ha prenotato feste e matrimoni? La reazione di Donna Imma alla confisca

Dopo la confisca esecutiva de La Sonrisa come si muoverà la famiglia Polese? E soprattutto cosa succederà ai matrimoni già in programma per quest’anno al Castello delle Cerimonie? Tutte le risposte.

la sonrisa cosa succede per i matrimoni del 2024
Il Castello è in confisca, ma cosa succede ora per i matrimoni in programma (Blueshouse.it)

È stata una delle notizie più rilanciate degli ultimi giorni: La Sonrisa alias il Catello delle Cerimonie della famiglia Polese è stato sottoposto a sequestro per abusivismo edilizio. La vicenda, per la verità, non è nuova né tanto meno capita come un fulmine a ciel sereno; si tratta piuttosto dell’atto finale di una vicenda giudiziaria iniziata anni fa e che vedeva all’epoca coinvolti Rita Greco e Antonio Polese, fondatori dell’impero che per 40 anni è stato simbolo di sfarzo assoluto in Campania.

Da quando si è diffusa la notizia però c’è un unico grande interrogativo: che succederà ora? Che ne sarà di tutti i matrimoni e delle altre cerimonie già prenotate per la stagione 2024? Il problema non riguarda ovviamente le feste in sé, o almeno non soltanto, ma a preoccupare è tutto l’indotto lavorativo creato dalla struttura e che ad oggi conta circa un centinaio di lavoratori.

La Sonrisa è confiscata, ma si può ancora prenotare

famiglia polese
Imma Polese con il marito Matteo Giordano oggi gestori della struttura (Blueshouse.it)

Il Castello delle Cerimonie è ufficialmente di proprietà del Comune di Sant’Antonio Abate, ma nei fatti resta ancora attivo. Si tratta, infatti, di un caso molto complesso: parliamo di una struttura enorme che comprende un parco di decine di ettari che richiedono molta manutenzione e quindi dispendio di denaro.

Oltre a questo c’è la necessità di preservare i posti di lavoro. È probabile, quindi, che a breve si instaurerà un tavolo di lavoro tra il Comune, la Procura e la Prefettura di Napoli per studiare la soluzione migliore. Per queste motivazioni sembrano essere confermate le cerimonie in programma o almeno quelle con date più prossime. Resta comunque la preoccupazione per i tanti che avevano deciso di festeggiare al Castello matrimoni e comunioni e questo perché la situazione è davvero ancora in bilico.

A stupire comunque è che, nonostante tutto, è ancora possibile prenotare camere per l’albergo: il weekend del 24-25 febbraio è al completo e una notte costa 152 euro. Tuttavia, arrivano le prime disdette che vanno ad aggravare -dal punto di vista dei lavoratori naturalmente- una situazione già delicata. La famiglia Polese in tutto questo tace, parlano gli avvocati che chiedono prima di tutto la salvaguardia dei posto di lavoro.

Che fine farà il programma di Real Time?

Se dovessero effettivamente avere luogo le cerimonie prenotate fino a questo momento per il 2024 si garantirebbe almeno un’altra stagione del programma di Real Time che ha reso ancora più famoso il Castello delle Cerimonie. È certo che comunque la trasmissione è destinata ad arrivare una conclusione.

Impostazioni privacy