Rocco Siffredi, i figli Leonardo e Lorenzo Tano scoprirono così il suo lavoro.

Lui e la moglie sapevano che quel momento sarebbe arrivato, invece i figli di Rocco Siffredi hanno fatto la grande scoperta in un modo buffo.

Rocco Siffredi ed i figli che scoprirono che lavoro faceva in modo strambo
La famiglia Siffredi (Foto Ansa) Blueshouse.it

Rocco Siffredi ha due figli, Leonardo e Lorenzo Tano, con quest’ultimo in particolare che ha acquisito una grande popolarità. Dopo la sua partecipazione a “Ballando con le stelle” il 27enne e più grande dei figli di Rocco Siffredi e Rózsa Tassi ha trovato anche l’amore.

Lorenzo si è fidanzato con Lucrezia Lando e tra loro due le cose vanno a vele non gonfie, di più. I due giovani hanno scoperto di essere anime gemelle, lui si è trasferito a casa di lei ed insieme hanno intrapreso anche una proficua carriera da content creators su Instagram e YouTube.

Dopo Lorenzo, il secondo dei figli di Rocco Siffredi è Leonardo Tano. I due hanno un futuro ben avviato in ambito professionale. Il primo lavora come project manager nella casa di produzione di suo padre, avendo quindi un ruolo di responsabilità nella pianificazione di vari progetti.

Leonardo invece studia Ingegneria meccanica e pratica l’atletica a livello professionistico. Come hanno fatto i due a scoprire il lavoro a dir poco particolare che fa il loro papà e quando è successo?

Rocco Siffredi e i figli, come hanno scoperto cosa fa il babbo

Rocco Siffredi ed i figli che scoprirono che lavoro faceva in modo strambo
Rocco Siffredi (Blueshouse.it)

Prima o poi certe cose vanno dette, un po’ come succede sul come nascono i bambini e sull’esistenza di Babbo Natale e della Befana. Leonardo e Lorenzo Tano hanno compiuto la grossa scoperta. Avvenne per caso, come sempre avviene in casi come questo.

È proprio Lorenzo Tano a parlare della cosa a “Stasera c’è Cattelan” su Rai 2, con fidanzata, papà e fratello al suo fianco. Il racconto è molto divertente e riguarda i piccoli Leonardo e Lorenzo mettere nel videoregistratore una VHS con la scritta “Tarzan”.

Solo che il film registrato sopra non riguardava l’uomo della giungla, pur essendoci certamente qualcosa di selvaggio riprodotto “con mamma e papà insieme”. Infatti anche Rózsa Tassi ha lavorato nel mondo dell’intrattenimento per adulti.

In casa loro ci sono anche diversi awards, articoli di giornale e foto esposti, e la cosa ha contribuito a creare nel corso del tempo una coscienza in Lorenzo e Leonardo su quale fosse la professione di Rocco Siffredi.

Non fu affatto un trauma

La cosa quindi non è stata diretta ma c’è stata una consapevolezza che è nata nel corso del tempo. Questa versione è confermata anche dalla stella dell’industria a luci rosse, che oggi non è più attivo davanti alla cinepresa.

Il ritiro definitivo, dopo altri che erano avvenuti in passato ma che erano risultati essere soltanto provvisori, è maturato un paio di anni fa.

Parlando dei suoi figli, Rocco, che oggi ha 59 anni, ha affermato che lui e la moglie erano in viaggio. E che i contenuti presenti su quella videocassetta erano comunque fortemente tagliati. Sempre Rocco ha svelato qualche divertente aneddoto vissuto nella sua carriera ben nota a tutti.

Lui sarà protagonista di una produzione Netflix ufficiale sulla sua vita, che uscirà ad inizio marzo. Invece Lucrezia Lando e Lorenzo Tano attirano l’attenzione spesso anche con contenuti un po’ oltre le righe.

Impostazioni privacy