Paola Barale non si accontenta, per lei il concetto di coppia è superato: “Due uomini sono meglio”

L’esperienza maturata nel corso degli anni e la saggezza costruita con il tempo hanno portato Paola Barale a maturare una certa idea in fatto di relazioni amorose.

Paola Barale e la teoria dei due uomini, la porta in scena a teatro e la comprende nel privato
Paola Barale sensuale (Blueshouse.it) Instagram.it

Paola Barale la conosciamo tutti. Con sensualità e bellezza lei conquistò tutti noi da ragazza e sembrava che la televisione potesse diventare il suo regno. Invece l’ascesa è durata relativamente poco, anche per via del fatto che lei non si è mai piegata a certe dinamiche.

Lei, piemontese originaria di Fossano, in provincia di Cuneo, ha celebrato il suo compleanno numero 57. L’età di una donna non va svelata, è vero, ma nel suo caso è un vanto, visto e considerato come Paola Barale ci è arrivata. E cioè molto bene, in gran forma.

In passato, per il suo cinquantesimo compleanno, Paola Barale ha deciso di festeggiare in grande stile recandosi in Sudafrica, all’Africa Burn, un evento simile al Burning Man, dove si è vestita da torta. Nonostante le sue dimenticanze, Paola riceve sempre un messaggio molto significativo da parte di sua sorella.

La quale è solita scriverle che il compleanno è solo il primo giorno di un altro viaggio di 365 giorni intorno al Sole. Occorre godersi tale viaggio, perciò.

Paola Barale, it’s raining men? No, solo due

Paola Barale e la teoria dei due uomini, la porta in scena a teatro e la comprende nel privato
Paola Barale elegante (Blueshouse.it) Instagram.it

Della Barale possiamo dire con certezza che sia una donna vulcanica, istrionica e versatile che ha sempre mescolato stili e ambizioni, alternando la sua presenza in televisione, teatro, cinema e avventure di reportage in giro per il mondo. La sua unica guida è stata la passione e non ha mai voluto tradirla.

Attualmente, la possiamo trovare al Teatro Golden di Roma, dove sta recitando nella commedia corale “Tris di cuori” insieme a Simone Montedoro, Mauro Conte e Ilaria Canalini, con la regia di Toni Fornari. Nel ruolo di Maria Teresa, Paola interpreta una scrittrice di romanzi che si trova a vivere contemporaneamente due amori: uno con Giorgio, un professore di matematica di vecchio stampo, e l’altro con Danny, un musicista squattrinato. Maria Teresa non riesce a scegliere tra i due uomini e decide di tenerli entrambi.

Quando le viene chiesto della teoria dei due uomini, Paola Barale ammette di essere d’accordo. Afferma che spesso una sola persona non è sufficiente per avere una relazione perfetta. E che i rapporti esclusivi, che tutti sognano, sono sempre più rari al giorno d’oggi.

Poi Paola nota che quasi nessuno, compresa lei stessa, è immune dal tradimento o dal tradire. Tuttavia, nella sua mente, rimane l’esempio dei suoi genitori, che sono stati insieme per 60 anni senza mai litigare. Il loro rapporto è sempre stato rispettoso, ma di un’altra epoca, in cui si cercava di riparare le cose invece di gettarle via.

Restare insieme anche quando non si vuole è un errore fin troppo frequente

Paola Barale e la teoria dei due uomini, la porta in scena a teatro e la comprende nel privato
Paola Barale (Blueshouse.it) Instagram.it

Ebbene, Paola crede che restare insieme a tutti i costi sia sbagliato e che quando due persone non hanno più nulla da dirsi, dovrebbero avere la possibilità di lasciarsi. Quando le viene chiesto se restare insieme è un’utopia per lei, Paola Barale risponde che una relazione va costruita ogni giorno e che non vede il matrimonio come la fine di un rapporto, ma come un valore aggiunto.

La donna di spettacolo afferma che un rapporto richiede impegno, scambio e confronto, non scontro. Lo avrà fatto anche alla luce della sua famosa relazione con Raz Degan, conosciutissima da tutti.

Paola riconosce che mantenere viva una relazione richiede molto sforzo e non si può pretendere che vada avanti da sola. Ha sperimentato il corteggiamento seguito dalla scomparsa dell’entusiasmo, ma crede che non si possa abbandonare una relazione o darla per scontata.

Riconosce che le relazioni possono diventare abitudinarie e che spesso le persone rimangono insieme per i figli. Non è questo il suo caso però: in situazioni del genere Paola ha sempre scelto di andarsene. Ora, alla luce della sua esperienza passata, sta valutando l’idea di avere due uomini nella sua vita, scherzando sulla questione.

La sincerità è tutto

Paola Barale non teme la gelosia ed afferma che la sincerità è fondamentale in una relazione. Parla apertamente di attrazione per altre persone e sostiene che nascondere la verità porta solo a bugie e alla creazione di muri nella relazione. Lei crede che avere due situazioni contemporanee possa significare avere rapporti onesti e molto elevati. Sebbene non le sia ancora capitato, non esclude la possibilità.

Quando le viene chiesto cosa desidera per il suo futuro, Paola Barale risponde che desidera continuare a lavorare nel mondo dello spettacolo ed intraprendere nuove sfide. Afferma di amare la sua professione e di essere grata per le opportunità che ha avuto nel corso degli anni.

E Paola Barale è anche interessata a esplorare nuovi progetti artistici e di intrattenimento, sia in televisione che sul grande schermo. Sogna di lavorare con registi e attori talentuosi e di continuare a divertirsi nel suo lavoro.

La piemontese, che ha sempre espresso grande maturità nelle opinioni comunicate, è stata per diverso tempo valletta di Mike Bongiorno, ed una delle più amate. Avvenne quando aveva 22 anni, ed in tutta onestà non è che lei sia cambiata tanto in quanto a fascino esercitato.

Impostazioni privacy