Andrea Giambruno getta la spugna e abbandona tutto: “Non faccio nulla più” Il motivo

Il giornalista Andrea Giambruno si sarebbe rivolto ai legali per intentare causa contro Mediaset: “L’avvocato ha detto che vinciamo noi”.

Sede di Mediaset
Sede di Mediaset (Blueshouse.it)

Andrea Giambruno, dopo un periodo di silenzio, torna a far parlare di sé dopo lo scandalo che lo ha travolto, con i Fuorionda divulgati da “Striscia la Notizia” che gli hanno “rovinato” la vita. Dopo la figuraccia fatta davanti a tutta Italia e all’estero, Giambruno è stato retrocesso, passando da conduttore della trasmissione “Diario del Giorno” ad autore, cosa che faceva anni fa.

Inoltre, lo scandalo gli è costato anche sul piano sentimentale, rompendo il rapporto con la Premier Giorgia Meloni, delusa e infastidita dal comportamento da “galletto” del partner. Ora, però, tutto potrebbe cambiare nuovamente, Giambruno ha intenzione di reagire. Proprio qualche ora fa, interpellato da “Repubblica”, il giornalista avrebbe affermato di voler intentare causa contro la sua azienda.

La causa contro Mediaset: le intenzioni del giornalista Andrea Giambruno

Giambruno alla conduzione Diario del Giorno
Giambruno alla conduzione Diario del Giorno (Blueshouse.it)

“Faccio causa per violazione di privacy e per diffamazione a mezzo stampa. L’avvocato ha detto che vinciamo noi”. Sarebbero queste le parole utilizzate da Giambruno e diffuse dal quotidiano “La Stampa”. Il giornalista, dunque, si sarebbe rivolto ai legali per chiudere definitivamente una faccenda che gli ha rovinato l’immagine e compromesso la reputazione.

Senza contare lo stravolgimento nella sua vita, con l’abbandono della compagna Giorgia Meloni e la retrocessione sul posto di lavoro. I Fuorionda sono stati davvero imbarazzanti, nei quali il giornalista ha mostrato il lato peggiore di sé, comportandosi da galletto vanitoso, dando fastidio alle colleghe, e non mostrando rispetto né sul posto di lavoro né nei confronti della sua ex, tra l’altro non una donna qualunque, ma il nostro Presidente del Consiglio.

Violazione della privacy e diffamazione: la reazione del giornalista

Tuttavia, le gaffe portate alla luce da “Striscia la Notizia” hanno violato la sua privacy, visto che, secondo una legge risalente al 2011, non bisogna diffondere riprese o immagini del dietro le quinte, dato che, a telecamere spente, si invaderebbe la sfera privata dei lavoratori. Insomma, le battutine goliardiche e le allusioni “intime” di Giambruno, proprio perché fatte in tono burlesco, sarebbero dovute restare private.

Si tratterebbe, perciò, di audio rubati e di tradimento da parte dei colleghi di lavoro, una violazione che avrebbe spinto Giambruno a rivolgersi ai suoi avvocati. Dopo l’abbandono del programma “Diario del Giorno”, Mediaset aveva pubblicato un comunicato nel quale recitava “Dispiaciuto per l’imbarazzo e il disagio creato per il suo comportamento”, portando le scuse dello stesso interessato.

Nel frattempo, il giornalista ha traslocato, non lontana da dove viveva prima, tanto per stare vicino alla sua bambina e alla sua ex compagna, e ha iniziato un altro lavoro, più defilato, come autore del programma di Rete4. Giorgia Meloni, nonostante abbia preso le distanze, lo ha sempre difeso, mettendo davanti l’affetto, la loro figlia, l’amore della famiglia e il rispetto.

Impostazioni privacy