Il caos sul generale Vannacci, perché è indagato dalla Procura

Non è per niente qualcosa di piacevole quello che rende il personaggio del generale Vannacci molo discusso. Che cosa sta succedendo.

Perché il generale Vannacci è indagato per due situazioni diverse
Il generale Vannacci (Blueshouse.it)

Il generale Roberto Vannacci è uno dei personaggi più controversi dei quali l’opinione pubblica sta parlando durante gli ultimi mesi. L’alto rappresentante delle forze armate italiane deve difendersi dalle accuse di avere fatto delle spese immotivatamente alte nel periodo in cui era di stanza in Russia.

E la vicenda controversa più nota che coinvolge il generale Vannacci è quella che ha visto il suo nome inserito all’interno del registro degli indagati. La Procura di Roma ipotizza per lui il possibile reato di istigazione all’odio razziale, dopo i solleciti di alcune associazioni.

Tutta colpa delle affermazioni scritte di proprio pugno nel suo libro autobiografico, che vede la realizzazione di una ulteriore opera. Il generale Vannacci si riferisce con parole controverso nei confronti degli omosessuali, definendoli “non normali”. Inoltre è riportato anche un episodio che coinvolge delle persone di colore, vissuto da lui stesso in occasione di un pernottamento a Parigi.

Vannacci si difende parlando di “opinioni personali, per quanto criticabili”, contestando la decisione di essere chiamato a difendersi in tribunale. I suoi avvocati sottolineano come lui non abbia mai affermato, all’interno del suo libro, che ci sia una razza superiore ad un’altra. “Quello che il generale ha fatto è stato semmai contestare un eccesso di multiculturalismo che potrebbe essere causa di problemi, in certi casi”.

Il generale Vannacci ed una vicenda molto spinosa

Perché il generale Vannacci è indagato per due situazioni diverse
Roberto Vannacci (Blueshouse.it)

Le indagini a carico di Vannacci sono sorte dopo un approfondimento svolto dallo Stato maggiore della Difesa. Sul suo conto indaga anche la Procura militare, con la possibilità che la questione delle spese immotivate avvenute quando era di stanza a Mosca finisca davanti alla corte dei conti.

Si parla di 9mila euro per l’uso di un’auto di servizio non autorizzata e di rimborsi per cene ed altri incontri, ma che in realtà non avrebbero mai avuto luogo. Tutto questo sarebbe successo entro un ben preciso arto di tempo, tra il febbraio del 2021 ed il maggio del 2022.

La permanenza di Vannacci in Russia terminò con l’espulsione sua e di altri ventitré rappresentanti governativi italiani da parte di Mosca, come ripicca di Putin a seguito dell’invasione sua dell’Ucraina. Contro questo conflitto l’Italia non ha mai appoggiato la Russia. Il libro di Vannacci che si trova nelle librerie ha come titolo “Il mondo al contrario”.

Alla Russia sono da attribuire le fake news che hanno visto il sorgere della falsità della notizia che ha fatto riferimento alla morte di re Carlo III. Cosa assolutamente non vera. Ed a Mosca si appresta ad andare Pupo in concerto, cosa che però ha esposto il cantautore a delle critiche feroci.

Impostazioni privacy