Testo e significato di “Casa Mia” che Ghali ha portato a Sanremo 2024

“Casa Mia” è il brano con cui Ghali ha partecipato a Sanremo 2024. Scopriamo il significato e tutti dettagli della canzone, che sta facendo un boom di ascolti.

Ghali
Ghali, il cantante (Blueshouse.it)

Tra i protagonisti del Festival di Sanremo 2024, spicca Ghali Amdouni, rapper dal talento immenso, che ha conquistato la kermesse con il brano “Casa mia“. Classe 1993, è la primissima volta che il cantante ha partecipato alla gara canora nei panni di big. Per lui è stato un traguardo immenso, che lo ha portato a un salto di carriera importante.

Fin da giovanissimo, Ghali ha sempre saputo di voler diventare un rapper affermato. Influenzato dalle canzoni di Eminem, si innamora ben presto di questo genere musicale, cimentandosi nelle prime gare freestyle e pubblicando le sue canzoni su Youtube, dove viene notato. Grazie a questa piattaforma diventa famoso e il suo nome spicca sulla scena del rapper italiano (scopri qui un retroscena sull’artista).

Testo e significato di “Casa Mia”: la canzone di Ghali a Sanremo 2024

“Il prato è verde, più verde, più verde. Sempre più verde (sempre più verde). Il cielo è blu, blu, blu. Molto più blu (ancora più blu)”, con queste parole prende il via il brano che Ghali ha portato sul palco dell’Ariston 2024.

Intitolato “Casa Mia”, con la canzone il rapper milanese ha fatto il suo debutto al Festival come big (aveva partecipato nel 2022 alla kermesse ma come ospite), conquistando un successo immenso. Il brano è frutto del lavoro congiunto tra Ghali, Davide Petrella e Michelangelo.

Il testo è molto profondo, essendo legato alla ricerca delle radici del rapper nato in Italia, ma di origini tunisine. Nella hit ci sono dei chiari riferimenti politici, in particolare nella seguente strofa: “Ma come fate a dire che qui tutto è normale. Per tracciare un confine. Con linee immaginarie bombardate un ospedale. Per un pezzo di terra o per un pezzo di pane. Non c’è mai pace”, con queste parole il rapper si riferisce probabilmente al conflitto in Medio Oriente.

Ghali, dopo Sanremo: la bufera scoppiata a “Domenica In”

Ghali, il rapper
Ghali, il rapper distintosi a Sanremo 2024 (Blueshouse.it)

Sono state proprio queste parole a sollevare il dissenso del Presidente della Comunità Ebraica di Milano, Walker Meghangi. Oltre a questa strofa, tre parole pronunciate da Ghali dopo una delle sue esibizioni hanno scatenato un putiferio: “Stop al genocidio” ha chiosato il rapper, portando alla reazione dell’Ambasciatore israeliano in Italia, Alon Bar. Quest’ultimo su X ha sottolineato come Sanremo sia una festa e non un luogo in cui alimentare l’odio e le provocazioni. La vicenda è stata davvero dibattuta.

Invitato a “Domenica In”, nell’ambito di uno speciale post Festival, Ghali ha difeso la sua posizione. Successivamente, la Venier ha letto un comunicato dell’Ad della Rai, con cui l’emittente ha preso le distanze dalle parole di Ghali, mostrando la sua vicinanza a Israele. La cosa ha fatto scoppiare una polemica sui social e in tantissimi hanno criticato Mara per aver dato questa comunicazione.

Dopo l’accaduto, il rapper è intervenuto chiedendo di non chiamare la vicenda “caso Ghali” e sottolineando come abbia agito così perché era assolutamente necessario farlo dal suo punto di vista.

Impostazioni privacy