“Lei via dal Festival” duro Amadeus, la vuole cacciare via

Alza la voce Amadeus per il Festival di Sanremo 2024 (che potrebbe non essere il suo ultimo). C’è qualcuno che lui non farà entrare all’Ariston.

Amadeus caccia la politica dal Festival di Sanremo 2024
Amadeus (Blueshouse.it)

Amadeus ed il Festival di Sanremo 2024, viene difficile pensare che si tratterà dell’ultima volta per lui alla conduzione dell’evento. La presenza del 61enne di Ravenna sul palco del Teatro Ariston era diventata una costante sin dal 2020, anno di inizio di un ciclo più che vincente.

Grazie a lui la gente è tornata a vedere in massa, più di prima, quello che resta da sempre uno degli eventi più importanti e seguiti del nostro Paese. Con la direzione artistica e con la conduzione spigliata, spesso improvvisata con l’amico Fiorello, Amadeus ed il Festival hanno finito con il piacere più che mai.

Ed ormai lui è abituato a reggere alla pressione. Avere a che fare con Sanremo non è cosa da tutti ed Amadeus il Festival sa come trattarlo. Ne ha parlato lui stesso nel corso di una intervista concessa a “La Repubblica”. Per questo quinto ed ultimo anno di conduzione non ci sono preoccupazioni come magari era avvenuto in passato.

L’augurio di Amadeus è che il Festival possa dare una settimana di intrattenimento e di divertimento come la Rai è abituata a fare, lontana dal trash e dalle polemiche. In questo senso il conduttore televisivo chiude la porta in faccia a qualcuno.

Amadeus e il Festival, come sarà Sanremo 2024

Amadeus caccia la politica dal Festival di Sanremo 2024
Amadeus in pubblico (Blueshouse.it)

Anzi, a qualcosa: la politica, che non varcherà la soglia del Teatro Ariston. In passato è capitato di vedere il suo nome tirato in ballo in qualche critica dal retrogusto assai marcatamente di destra o di sinistra. Ma lui non vuole averci a che fare.

Sanremo è musica e non politica, anche se lui giudica positivi gli attacchi giunti a volte da questo ed a volte da quello schieramento. “Significa che sono un uomo libero, non ho amicizie di convenienza ed in vita mia mi è sempre importato di fare programmi belli e di lavorare bene”.

Questo è in sintesi il suo pensiero: e si può lavorare bene anche senza politica e senza l’assillo di doversi sentire in obbligo di accontentare la gente o di non scontentarla. Cose che semmai finiscono con il farti lavorare peggio.

Intanto si parla di ipotesi sesto Sanremo per lui. La Rai vorrebbe Amadeus anche al Festival del 2025 e lui non ha detto di no a prescindere, anche se più volte in passato aveva parlato della edizione del 2024 come del suo capolinea. Ma il conduttore televisivo non chiuderà la porta ai dirigenti e si presterà ben volentieri ad un confronto.

Inoltre “come mi ha detto Pippo Baudo tempo fa, non è Sanremo senza polemiche. Ma come arrivano, le polemiche stesse poi si spengono”. Ed Amadeus chiude dicendo la sua anche sul caso che ha investito Chiara Ferragni. Quella si che è una polemica bella grossa.

A suo dire un personaggio pubblico di un certo peso quale è la moglie di Fedez non dovrebbe permettere che avvengano certe sviste. In questo senso sembra proprio che le critiche ci metteranno un bel po’ a sparire, con l’immagine della Ferragni che ad oggi appare macchiata, a prescindere da quello che lei deciderà di fare.

Impostazioni privacy