Stefano Tacconi, visita ai medici che gli salvarono la vita: come sta l’ex portiere della Juve

L’ex portiere della Juventus, Stefano Tacconi, è tornato per una visita nell’ospedale di Alessandria, dove fu ricoverato dopo l’emorragia cerebrale.

Stefano Tacconi
Stefano Tacconi, l’ex portiere torna all’ospedale di Alessandria per una visita (Blueshouse.it)

Sono trascorsi quasi due anni da quel 23 aprile 2022, una data che ha cambiato la vita di Stefano Tacconi, ex portiere della Juventus. Tacconi venne ricoverato d’urgenza in ospedale ad Alessandria a causa di un’emorragia cerebrale dovuta allo scoppio di un aneurisma.

L’ex estremo difensore ha subito tre interventi ed affrontato un lungo percorso di riabilitazione che tuttora prosegue. Proprio questa mattina, l’ex portiere ha deciso di tornare in quell’ospedale, dove rimase a lungo ricoverato. Una visita, accompagnato dal figlio, per rivedere i medici gli salvarono la vita.

Stefano Tacconi, visita nell’ospedale dove fu ricoverato dopo l’emorragia cerebrale

Stefano Tacconi
Stefano Tacconi, il figlio Andrea ed il medico durante la visita in ospedale (Blueshouse.it)

Questa mattina, martedì 23 gennaio, Stefano Tacconi ha deciso di far visita ai medici che nei mesi scorsi gli hanno salvato la vita dopo essere stato colto da un’improvvisa emorragia cerebrale. Era il 23 aprile di due anni fa, quando l’ex portiere della Juventus venne trasportato d’urgenza all’ospedale di Alessandria, dove rimase a lungo ricoverato e sottoposto alle cure e gli interventi del caso.

Stamane una visita di piacere nel reparto di neurochirurgia del Santi Antonio e Biagio per riabbracciare i sanitari che lo hanno seguito per mesi. Con lui, ad accompagnarlo il figlio Andrea che, come la moglie e gli altri figli, gli è stato vicino durante il periodo del ricovero e del successivo percorso riabilitativo in un centro specializzato. Un periodo duro e che ha cambiato totalmente la vita dell’ex portiere che in carriera ha vestito le maglie di Livorno, Avellino, Genoa e Juventus tra le tante. Lo stesso Tacconi ne aveva parlato qualche mese fa, durante un’intervista a “Verissimo.

Le parole dei medici del Santi Antonio e Biagio

Il dottor Andrea Barbanera, direttore di Neurochirurgia che ha seguito per tutto il ricovero Tacconi, è stato contento di rivedere l’ex calciatore. In merito alle condizioni di salute di quest’ultimo, come riporta Radio Gold, il professor Barbanera ha ammesso di aver trovato meglio Stefano che adesso sarebbe quasi “totalmente autonomo”. Infine, lo specialista ha concluso dicendo che si è dato appuntamento con l’ex estremo difensore tra qualche mese. Tacconi è anche stato, insieme alla famiglia, presso la pizzeria Ideal di Alessandria scattando qualche foto con lo staff.

Impostazioni privacy