“Spare”, quando ha venduto e incassato il libro-scandalo del principe Harry (spoiler: milioni e milioni di euro)

“Spare” e le vendite in tutto il mondo del libro del principe Harry. Numeri che fanno accapponare la pelle: tutti i dettagli

Spare quanto ha venduto incassato
Il libro “Spare” esposto in libreria (Blueshouse.it)

Ha fatto parlare di sé a lungo facendo tremare la corona inglese e alla fine ha battuto ogni record. “Spare” la biografia del principe Harry uscito lo scorso anno in tutto il mondo è stato un vero e proprio terremoto, mediatico ma anche editoriale.

È stato definito un libro-scandalo per i tanti aneddoti raccontati dal rampollo di casa Windsor che ha deciso con la moglie Meghan Markle di allontanarsi da Londra, di rinunciare ad ogni incarico e titolo reale dedicandosi ad altro (tra cui un accordo con Netflix). Ma sapete quando ha venduto e incassato il libro? Numeri da capogiro.

“Spare” e le vendite mondiali: bestseller istantaneo

Numeri vendite Spare
“Spare” in libreria (Blueshouse.it)

I dati sulle vendite di “Spare” sono relativi allo scorso anno ma solo con questi la testa gira. È stato, infatti, un vero e proprio record mondiale con 3,2 milioni di copie vendute nei vari formati. È stato Penguin Random House, l’editore del testo, a fornire i dati sul memoir del principe Harry che si è attestato come l’unico libro più venduto nella data d’uscita in tutta la storia della Penguin Random House, il più grande editore al mondo di libri trade.

L’opera è diventata un bestseller istantaneo ponendosi al primo posto nelle classifiche di vendita di molti Paesi al mondo: dal Regno Unito agli Stati Uniti, dal Canada all’Australia, passando per l’Italia, la Germania, la Francia, il Brasile, i Paesi Bassi, la Danimarca, il Cile, la Colombia ed il Perù.

I numeri parlano da soli: nelle prime 24 ore “Spare” solo in Gran Bretagna ha venduto oltre 400 mila copie attestandosi come il libro più venduto di sempre nel Regno Unito. “Per quel che ne sappiamo – ha detto Larry Finlay, direttore della casa editrice Transworld, che fa parte del gruppo Penguin Random House all’indomani dell’uscita del libro – gli unici libri che hanno venduto più copie nel giorno di pubblicazione sono quelli che hanno per protagonista l’altro Harry. Potter”.

Le cose non sono state da meno negli Usa: qui “Spare” ha venduto 1,6 milioni di copie ed in Italia, con il libro pubblicato da Mondadori, si sono raggiunte le 100 mila copie solo nella prima settimana.

Quanto ha guadagnato Harry

Fare il calcolo di quanto ha incassato Harry dalla vendita del suo libro non è facile, certamente milioni e milioni di euro, vista la mole di copie acquistata in tutto il mondo. Come è stato specificato, parte dell’incasso è stato devoluto dal duca di Sussex ad alcuni enti benefici britannici: tra questi 1,5 milioni di dollari, secondo quanto detto, sarebbero andati a Sentebale, l’organizzazione che aiuta i bambini che Harry ha fondato insieme al principe Seeiso in memoria delle loro madri. 300 mila sterline erano destinate, invece, all’ente no-profit di cui è patrono reale WellChild. Secondo i rumors l’accordo con l’editore Penguin Random House sarebbe stato di 40 milioni di sterline (circa 45 milioni di euro) per la realizzazione di quattro libri, di cui “Spare” è solo il primo.

Impostazioni privacy