Guillermo Mariotto e la tragica malattia: “Ho rischiato la vita per anni…”

Lo stilista televisivo, Giullermo Mariotto ha parlato della sua tragica malattia del passato, svelando di aver rischiato la vita per anni: i dettagli.

Guillermo Mariotto tragica malattia rischio vita anni
Guillermo Mariotto (Blueshouse.it)

 

Guillermo Mariotto, il celebre stilista televisivo originario del Venezuela e noto giudice di Ballando Con le Stelle, ha recentemente condiviso una parte intima e toccante della sua vita.

Si tratta di una battaglia contro una malattia che avrebbe potuto cambiarne il corso della sua vita una volta per tutte. È stato durante una partecipazione al programma televisivo Oggi è un altro giorno, un appuntamento quotidiano in diretta sulle reti Rai, che Mariotto ha raccontato con voce rotta dal pianto e occhi lucidi questa parte significativa della sua storia.

La tragica malattia di Mariotto: in cosa consisteva

Guillermo Mariotto tragica malattia rischio vita anni
Guillermo Mariotto a Oggi è un altro giorno (Blueshouse.it)

 

Nel lontano 1966, quando Guillermo Mariotto apriva per la prima volta gli occhi in questo mondo, a Caracas, ha iniziato a combattere una lotta contro una condizione di salute che avrebbe potuto mettere a repentaglio la sua giovane vita.

Si trattava di un ingrossamento anomalo della milza, che in quel periodo era significativamente più grande rispetto agli altri organi del suo corpo. Questo portava a una sovrapproduzione di globuli bianchi, con il rischio di superare in numero quelli rossi, una situazione potenzialmente letale. È stato necessario un mese di cure intensive, con iniezioni regolari di penicillina, per stabilizzare la sua condizione.

Quello che rende ancora più straziante questo racconto è il fatto che la sua famiglia ha deciso di tenere nascosta questa difficile realtà a Mariotto fino all’età dell’adolescenza.

Ogni volta che ripensa a quel momento, Mariotto confessa di provare ancora brividi lungo la schiena. Viveva costantemente nell’ombra della paura di non potersi permettere di ammalarsi di qualsiasi altra malattia, date le fragilità legate alla sua condizione precaria di salute.

Mariotto e la grave malattia: chi era il suo punto di riferimento in quel periodo

In questo percorso difficile legato alla sua condizione di salute, Mariotto aveva un angelo custode, un punto di riferimento assoluto: sua nonna, colei la quale non smetterà mai di ringraziare. Lei era la sua fonte di forza e di supporto costante. Gli preparava bevande ricche di vitamine, come succhi di arancia e barbabietole, per rafforzare il suo sistema immunitario e proteggerlo dalle malattie stagionali.

Oggi, Mariotto riflette su quella fase buia della sua giovinezza con gratitudine per essere riuscito a superarla. La forza e l’amore dimostrati dalla sua amata nonna sono stati fondamentali nel suo recupero nel corso degli anni. La sua storia di sopravvivenza continua a ispirare coloro che hanno la fortuna di ascoltarla, dimostrando che con determinazione e sostegno si può superare anche la sfida più grande.

Impostazioni privacy