Chi è davvero Celeste Dalla Porta, protagonista dell’ultimo film di Paolo Sorrentino

Celeste Dalla Porta: scopriamo chi è la giovane attrice che Paolo Sorrentino ha scelto per il suo ultimo lavoro “Parthenope”

Chi è Celeste Dalla Porta film Sorrentino
Celeste dell Porta e Paolo Sorrentino a Cannes (Blueshouse.it)

In molti probabilmente ancora non la conoscono ma di qui in avanti ricorderanno il suo volto e anche il suo nome. Parliamo di Celeste Dalla Porta, la giovane attrice protagonista dell’ultimo film di Paolo Sorrentino “Parthenope” presentato al Festival di Cannes 2024 qualche giorno fa. L’attrice milanese, a differenza del film in generale che ha ricevuto molto critiche e alcuni apprezzamenti, ha stregato tutti con la critica internazionale che all’unanimità l’ha promossa a pieni voti.

Per lei si tratta della prima esperienza importante a livello cinematografico anche se negli anni passati c’erano stati già degli altri lavori per la giovane. Il primo contatto con Sorrentino è arrivato nel 2020 quando Celeste, ancora studentessa, aveva girato una scena, poi ampiamente tagliata in fase di montaggio, del film “È stata la mano di Dio”, disponibile da gennaio su Netflix. Il regista si è ricordato di lei e del suo bellissimo volto e l’ha voluta protagonista del suo ultimo lavoro. Ma vediamo chi è davvero questa ragazza molto talentuosa.

Celeste Dalla Porta, chi è la giovane attrice di “Parthenope”

Chi è Celeste Dalla Porta
Celeste Dalla Porta in una frame di “Parthenope” di Paolo Sorrentino (Blueshouse.it)

Celeste Dalla Porta, volto che sicuramente vedremo da qui in avanti nel nostro cinema, lanciata da Paolo Sorrentino, è una giovane attrice milanese che si è cimentata con la sua prima vera esperienza cinematografica importante. Un esordio che l’ha portata dritta al festival del cinema di Cannes.

La giovane, classe 1997, è figlia e nipote d’arte. Sua mamma è l’artista e fotografa Melina Mulas e suo padre il contrabbassista jazz Paolino Dalla Porta mentre suo nonno è il noto fotografo Ugo Mulas, assiduo frequentatore del Bar Jamaica di Milano dove alla fine degli anni Cinquanta si incontravano intellettuali ed artisti della città meneghina e non solo.

Celeste, dunque, è cresciuta in un ambiente di artisti, ricco di stimoli e motivazioni. A 21 anni era già una modella molto richiesta tra i set milanesi. Ha studiato danza, e soprattutto teatro-danza con la coreografa americana Julie Anne Stanzak. Ha seguito, inoltre, corsi di teatro trasferendosi nel 2019 a Roma per frequentare il Centro sperimentale di cinematografia presso il quale si è diplomata.

Cosa dice di lei Sorrentino

“Ha un’attitudine agli accenti e ha la capacità di interpretare una 18enne come una 35enne, senza ricorrere ad artifici laboriosi” così Paolo Sorrentino ha descritto il talento della giovane Celeste Dalla Porta che ha scelto come protagonista del suo film sottolineando che possiede una sorta di dolore imperscrutabile che aveva Stefania Sandrelli in Io la conoscevo bene di Pietrangeli”.

Impostazioni privacy