Il Volo, al via la compilation di concerti estivi: “Canteremo solo queste canzoni. E ne siamo orgogliosi”

Il Volo, al via la compilation di concerti estivi, finalmente sta per succedere: “Canteremo solo queste canzoni. E ne siamo orgogliosi”

Il Volo concerti
Il Volo: via ai concerti della stagione – ANSA – blueshouse.it

I ragazzi de Il Volo sono tornati e non hanno alcuna intenzione di fermarsi proprio adesso. Infatti al momento stanno cavalcando l’onda del successo ottenuto quest’anno al festival di Sanremo. Era un po’ di tempo che non sentivamo parlare di loro, dal momento in cui si erano chiusi in sala a registrare il loro nuovo album. Hanno conquistato davvero tutti con il loro brano Capolavoro, anche i più piccini, che non avevano ancora avuto modo di avvicinarsi alla loro musica. Infatti, dopo la loro partecipazione al Festival, è davvero esploso il panico sui social: contro ogni aspettativa, tantissimi giovani si sono complimentati con i tre cantanti per aver portato un brano così bello, che a distanza di mesi, continua ad essere molto alto nelle classifiche del panorama musicale italiano. Un successo, davvero, senza precedenti.

Insomma, il loro pubblico è diventato davvero molto ampio, ora hanno tantissime persone che li seguono che provano orgoglio nei loro confronti. Infatti le tre serate all’arena di Verona che sono andata in onda nelle ultime settimane sono state davvero un successo, hanno realizzato degli ascolti incredibili e al momento non potrebbero essere più orgogliosi di così. Adesso cosa faranno, si fermano di nuovo? Assolutamente no. Stanno festeggiando i loro primi 15 anni di carriera e hanno intenzione di farlo al meglio. E, proprio prossimamente, vivranno una emozione davvero incredibile.

Il Volo: tutto pronto per un momento importantissimo della loro carriera

Il Volo concerti
Il Volo: via ai concerti della stagione – instagram Il Volo – blueshouse.it

“Siamo molto eccitati, l’idea di cantare qui ci rende orgogliosi” sono state queste le prime parole che hanno pronunciato i tre cantanti de Il Volo, che il prossimo 4 luglio daranno inizio alla stazione dei concerti in un luogo pazzesco ovvero Piazza San Marco a Venezia, con una tappa del loro lungo tour ‘Tutti per uno-Capolavoro’. L’appuntamento è stato presentato proprio in queste ore, alla presenza dei tre cantanti, nel salone da ballo del Museo Correr. In questa occasione, hanno avuto la possibilità di fare quattro chiacchiere, di parlare di questo album a cui hanno lavorato per un anno senza sosta e che solamente ora hanno presentato a tutti. Un album che mischia i loro stili, che nel corso degli anni sono diventati sempre più definiti e precisi. Piero infatti oramai ci delizia sempre con il suo canto da tenore, mentre Ignazio e Gianluca hanno cominciato a spaziare anche in altri generi, che finiscono sempre per interpretare durante i loro concerti. E a tal proposito, c’è una grande novità proprio in proposito.

I tre cantanti delizieranno il grande pubblico con i grandi successi della musica italiana, infatti hanno deciso di seguire la scia della tradizione, la stessa che li ha resi famosi in tutto il mondo nel corso della loro carriera. “Il canto lirico è entrato a far parte del Patrimonio dell’Umanità l’anno scorso, e noi siamo gli unici giovani che portano questa cultura in giro per il mondo“, ha detto Gianluca. Anche Piero ha concordato con il suo collega: “Canteremo i brani che abbiamo ereditato dal nostro patrimonio culturale. Ci sentiamo privilegiati di essere nati in Italia“.

I loro successi in una scaletta tutta da scoprire

I ragazzi de Il Volo non ci stanno più nella pelle all’idea di tutto questo. Infatti hanno intenzione di cantare i loro più grandi successi, come quelli con cui hanno partecipato al festival di Sanremo. Non hanno ancora preso questa decisione in modo ufficiale, ma Piero Barone ha anticipato che potrebbero cominciare il concerto sulle note di Ennio Morricone, però mangiare un grandissimo musicista che ha fatto davvero la storia della musica mondiale. Un omaggio che ci sarà anche il 29 giugno, con la colonna sonora dello sceneggiato Marco Polo che venne composto proprio dal grande maestro. Verrà eseguita per la prima volta nel campo delle celebrazioni per i 700 anni dalla sua morte. Insomma, ancora una volta questi tre meravigliosi ragazzi hanno dimostrato non soltanto di essere dei talenti pazzeschi, ma dei ragazzi con un enorme rispetto per quella che è la musica italiana che ha fatto il giro del mondo.

Impostazioni privacy