Paolo Del Debbio, bufera in casa Mediaset: “Sospeso dalla trasmissione”, il provvedimento immediato

La consueta routine televisiva di “Dritto e rovescio” con Paolo Del Debbio è stata sovvertita da una reazione inattesa e forte del conduttore. La cosa ha fatto discutere.

Paolo Del Debbio reagisce al trapper Baby Gang in diretta e qualcuno ne chiede la sospensione
Paolo Del Debbio (Blueshouse.it)

Paolo Del Debbio è tornato alla conduzione del suo programma di approfondimento “Dritto e rovescio” su Rete 4. Il giornalista, saggista ed anche docente universitario, che da quasi 25 anni rappresenta una presenza fissa nel palinsesto di Mediaset e di Rete 4 in particolare, aveva infatti dovuto fermarsi.

Tutta colpa di una situazione improvvisa per quanto riguarda la salute. Cosa che aveva portato “Dritto e rovescio” a proseguire senza di lui, anche se solo per una puntata. Il tutto è accaduto un paio di settimane fa, nel corso dell’appuntamento di giovedì 8 febbraio.

Nonostante poi Paolo Del Debbio sia tornato regolarmente al timone del suo programma, c’è ancora chi ha cercato di informarsi in merio alle sue condizioni di salute. Non c’è niente da temere: il professionista nato a Lucca nel 1958 e che rappresenta una delle figure più riconoscibili ed amate di Mediaset sta benone.

Al punto tale che, diversamente da quando accade da sempre, questa volta si è lasciato andare ad un attacco frontale. Del Debbio ha sempre mantenuto un atteggiamento pacato, anche nelle situazioni più controverse. Ma questa volta non è riuscito a trattenersi, destando la reazione di sorpresa di non pochi telespettatori di “Dritto e rovescio”.

Paolo Del Debbio, la controversia in diretta tv

Paolo Del Debbio reagisce al trapper Baby Gang in diretta e qualcuno ne chiede la sospensione
Paolo Del Debbio con un libro (Blueshouse.it)

Dopo avere ricevuto un messaggio rivolto direttamente a lui, Del Debbio ha svestito i panni del conduttore televisivo tutto preciso e dall’atteggiamento impeccabile per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. E ha voluto farlo in seguito al messaggio ricevuto da Zaccaria Mouhib, un cantante di musica trap noto con lo pseudonimo di Baby Gang.

Si tratta di un personaggio alquanto turbolento, sul quale pesa una condanna a quattro anni e dieci mesi di carcere, a quanto pare per una sparatoria che lo vede coinvolto. Baby Gang, originario di Lecco, ha 22 anni e già in altre circostanze ha espresso il suo pensiero a Del Debbio. E spesse volte con un atteggiamento polemico.

Difatti Del Debbio sottolinea proprio questo aspetto, dicendo che in una precedente occasione Baby Gang aveva definito “Dritto e rovescio” “…una trasmissione per vecchietti”. Poi ha proseguito con le sue contestazioni e questo ha spinto il buon Paolo a replicare.

“Forse il signor Baby Gang deve soffrire di senilità precoce, visto che a quanto pare è un affezionato di Dritto e rovescio. A lui dico: torna figliol prodigo, ti accolgo, ma poi se fai il pi**a ti ributto fuori. Altrimenti resta, assumendo un atteggiamento consono. Intanto non mandarmi altri messaggi”.

Sembra che qualche telespettatore non abbia preso bene però questa reazione di Del Debbio, interrogandosi sui social in merito al fatto se non sia il caso che Mediaset prenda dei provvedimenti nei suoi confronti. Cosa che però certamente non accadrà, e per due motivi.

Il primo è che “Dritto e rovescio” fa dei buoni ascolti anche in virtù della presenza di Del Debbio, un professionista del quale la gente si fida. Il secondo è che lui è una persona a modo, che non ha offeso nessuno e che, anche quando è necessario alzare la voce, sa come fare per non esacerbare i toni.

Impostazioni privacy