Tiziano Ferro, 7 anni fa l’ultimo bicchiere: “Ero un alcolista, volevo morire spesso”

Tiziano Ferro alcolista: un lontano ricordo. Oggi c’è solo la voglia di festeggiare la libertà e la gratitudine di aver sorriso alla vita

Tiziano Ferro
Tiziano Ferro sul palco (Blueshouse.it)

Tanto successo, un pubblico immenso che ti ama ed il coronamento di un sogno spesso non bastano per essere felici e così, l’unica strada di consolazione, pare essere altro. Per Tiziano Ferro è stato l’alcol, il cantante italiano lo ha raccontato, ormai, diverse volte: tanti inciampi e ricadute fino alla libertà più totale, la sobrietà. Sobrio Tiziano ormai lo è da diverso tempo, precisamente da 7 anni e oggi, nonostante sia un periodo non facile della sua vita, trova il tempo di festeggiare questa ricorrenza e la gratitudine per la vita che gli ha dato una seconda possibilità.

Il cantante festeggia e ringrazia la vita

Tiziano Ferro
Il post di Tiziano Ferro per festeggiare la sua sobrietà (Blueshouse.it)

Festeggia con gli oltre 2 milioni di fan che lo seguono in tutto il mondo il suo traguardo personale più grande, “7 anni dall’ultimo bicchiere e dal primo giorno con la serenità di accettare le cose che non posso cambiare” scrive su Instagram il cantante che ad oggi si dice “semplicemente e onestamente, solo grato”. Una gratitudine alla vita e alla sua forza di volontà che gli hanno permesso di scrive pagine diverse per la sua persona e la sua famiglia.

Ad oggi Tiziano è papà di due splendidi bambini e anche se sta vivendo un periodo non semplice scandito dal divorzio dal marito Victor Allen e la difficoltà di tornare in Italia, non si fa pervadere da questi ostacoli e trova il modo, il tempo e la voglia di festeggiare l’addio all’alcolismo e la libertà più bella.

Tiziano Ferro alcolista: la prima volta che ne ha parlato

Tiziano Ferro ha rivelato, per la prima volta, la dipendenza dall’alcolismo a ridosso dell’uscita del documentario realizzato sulla sua vita. Un lavoro introspettivo nel quale il cantante si è messo a nudo e ha raccontato uno dei periodi più bui della sua vita facendo uscite tutti i fantasmi che per anni lo avevano tormentato. Non solo l’alcol: “Alcolista, bulimico, gay, depresso, famoso” così si descriveva nel 2020.

“Ero un alcolista. L’alcol mi dava la forza di non pensare al dolore e alla tristezza ma mi portava a voler morire sempre più spesso ha raccontato il cantante spiegando che è bastata una sola sera di bevute con la sua band per cadere nel buco nero dell’alcolismo che gli ha fatto perdere occasioni e tanti amici. A salvarlo? La musica.

Impostazioni privacy