“Lo desidero tantissimo, ma ci ho rinunciato”. Enzo Miccio a cuore aperto sul perché non potrà mai essere papà

Enzo Miccio e la paternità: il wedding planner rivela il suo desiderio di diventare padre messo da parte. Scopriamo il motivo

Enzo Miccio padre desiderio rinuncia
Il wedding planner Enzo Miccio (Blueshouse.it)

È il wedding planner più famoso in Italia ed il più ricercato dai vip. Parliamo ovviamente di Enzo Miccio che si è letteralmente inventato una professione nel nostro Paese quando quella parola inglese nessuna la sapeva neanche pronunciare in Italia, come lo stesso aveva raccontato in una intervista all Corriere della Sera.

Molti i successi realizzati sul lavoro, un po’ meno nella vita privata. Da tempo il noto organizzatore di matrimoni è tornato single dove una lunga relazione con Laurent Miralles. Forse anche per questo ha ammesso di avere una grande voglia di diventare padre ma di aver accantonato il progetto. Scopriamo maggiori dettagli in merito.

Enzo Miccio e la paternità: tra desiderio e realtà

Enzo Miccio padre rinuncia motivo
Enzo Miccio parla di paternità (Blueshouse.it)

La cosa che più manca nella vita di Enzo Miccio? Essere padre. È quello che il noto wedding planner ha ammesso tempo fa al Corriere della Sera parlando della sua vita privata per la quale, ha sottolineato, è arrivato ad un punto fermo: rinunciare ad essere padre. Un desiderio che per il momento ha messo da parte.

Non volendo entrare nei dettagli e nelle questioni politiche che si sono succedute nel nostro Paese, senza dare “né giudizi né opinioni”, Miccio ha ammesso che la paternità era un desiderio nato in lui negli ultimi tempi: Prima non lo avevo proprio, anzi i miei amici mi chiamavano scherzosamente ‘Erode’” ha raccontato.

Poi però la consapevolezza lo ha portato a cambiare direzione: “Subentra una responsabilità talmente grande nell’avere un figlio che mi sono posto molte domande, e alla fine sono arrivato a fare una rinuncia: non diventerò padre ha detto a chiare lettere.

Genitorialità oltre le leggi

Oltre la sua decisione, Enzo Miccio ha voluto precisare che da parte sua non c’è nessun giudizio nei confronti di chi lo vuole diventare, anzi. Il wedding planner ha ammesso di ammirare chi sia in grado di crescere dei bambini “indipendentemente dal tipo di coppia in cui è”. Se il desiderio è molto forte, ha aggiunto, non c’è nulla che può fermare un uomo o una donna a diventarlo: “né la legge né l’essere single”. La sua scelta non è stata mossa da nessun motivo in particolare, si tratta solo di una decisione “personale di responsabilità”.

Impostazioni privacy