Nadia Toffa, un appuntamento per non dimenticare il suo insegnamento: “Imparare a cambiare le vite”

Nel mese dedicato ai libri i genitori di Nadia Toffa parlano, ancora una volta, del suo testamento di coraggio e di amore per la vita

Nadia Toffa appuntamento ricordarla
Nadia Toffa nel corso di una delle puntate de “Le Iene Show” (Blueshouse.it)

Nadia Toffa rimarrà nell’immaginario di tutti come una delle iene più amate e tenaci. La sua è stata una storia che ha seguito l’Italia intera, prima per il suo lavoro, per il quale si è fatta amare e apprezzare, poi per la sua personale battaglia contro il cancro che non ha mai nascosto ma affrontato a testa alta.

Nadia purtroppo non ce l’ha fatta a vincere la sfida più dura e impegnativa che la vita le ha presentato ma il suo ricordo ed i suoi insegnamenti rimangono ancora oggi impressi nella mente. A breve un appuntamento per ricordarla.

Nadia Toffa, la presentazione del suo libro: dove e quando

Nadia Toffa presentazione libro Ortona
Nadia Toffa insieme alla sua mamma (Blueshouse.it)

Giovedì 16 maggio ad Ortona, i genitori di Nadia Toffa, Margherita e Maurizio, che dal giorno della scomparsa della figlia si fanno portatori del suo messaggio di vita, tenacia e forza, presenteranno il libro della giornalista volto de “Le Iene”, “Non fate i bravi”. 

L’incontro sarà moderato dalla giornalista Alessandra Renzetti e alcuni passi del libro saranno letti dall’attrice Lorenza Sorino.L’appuntamento è alle 18.30, al Cinema Auditorium Zambra della cittadina abruzzese inserito all’interno del cartellone “Maggio dei libri”. Il ricavato delle vendite andrà devoluto alla fondazione “Nadia Toffa” che si occupa di sensibilizzazione sulla malattia. 

“Non fate i bravi” (Chiarelettere edizioni) è la testimonianza che Nadia Toffa ci ha lasciato. Un libro che è quasi un testamento, scritto nei momenti più difficili, nei quali la malattia l’aveva portata a chiudersi nel quasi totale silenzio, allontanandosi anche dai social attraverso i quali aveva sempre raccontato tutto sulla sua malattia. Ha scritto molto la giornalista raccogliendo in questo libro forse solo una parte di tutti i pensieri che avrebbe voluto comunicare.

Il titolo “Non fate i bravi” nasce dalla sua idea che non dobbiamo rimanere in un angolo e aspettare che il destino scelga per noi – ha detto tempo fa la mamma di Nadia – Ma imparare a cambiare le nostre vite”.

Il cancro, la battaglia e la resa finale

Nadia Toffa è scomparsa all’età di 40 anni, nel cuore dell’agosto 2019, dopo una lunga malattia che non aveva mai nascosto. Tutto era iniziato nel dicembre 2017 in seguito ad un malore avuto mentre stava realizzando un servizio per “Le Iene”. Così aveva dovuto mettere in stand-by il lavoro per il quale era tanto appassionata.

Tornò sugli schermi nel febbraio 2018 alla conduzione de “Le Iene” rivelando a tutti di avere un tumore cerebrale sottolineando con vigore che non c’era nulla di cui vergognarsi, nemmeno nel dover indossare una parrucca. Se inizialmente le cose sembravano andare bene, non era affatto così. Il tumore era ritornato. Lei tenacemente non si è mai abbattuta ma nel 2019 le sue condizioni di salute sono precipitate. La iena più amata si è spenta la mattina del 13 agosto di quell’anno.

Impostazioni privacy