Fabrizio Corona, la richiesta ai giudici: “Ho bisogno di questo, non ho altra scelta per vivere”

Fabrizio Corona rivuole il suo passaporto per andare a lavorare negli Stati Uniti: la richiesta avanzata ai giudici dall’ex re dei paparazzi.

Fabrizio Corona
Fabrizio Corona, la richiesta ai giudici sul passaporto (Blueshouse.it)

Nuova vita per Fabrizio Corona? Questo sarebbe l’obiettivo dell’ex re dei paparazzi che vorrebbe trasferirsi in America per avviare una nuova attività lavorativa. Proprio per questa ragione ha richiesto che gli venga restituito il suo passaporto.

Nel dettaglio, Corona vorrebbe recarsi negli Stati Uniti per lavorare lì e realizzare alcuni documentari, una circostanza per cui sarebbe necessario che gli venga restituito il passaporto. Queste le sue parole, davanti ai giudici della sezione misure di prevenzione del Tribunale di Milano, di voler indietro il suo passaporto, ai quali ha spiegato di non voler scappare.

Fabrizio Corona: “Rivoglio il mio passaporto per lavorare, non per scappare

Fabrizio Corona
Fabrizio Corona (Blueshouse.it)

Sempre davanti ai giudici di Milano, Fabrizio Corona, che ha richiesto la restituzione del passaporto, ha dichiarato di aver pagato il suo debito con la giustizia e il suo obiettivo è quello di lavorare e avere successo. L’ex re dei paparazzi, però dovrà attendere sino al 21 marzo perché si dovrà scegliere se applicare ancora la misura della sorveglianza speciale.

Per la Questura di Milano, come riportano i colleghi di Tgcom24, Corona è ancora socialmente pericoloso. Per questo motivo è stato richiesto che la sorveglianza speciale per un anno 6 mesi, applicata alcuni anni fa, nello specifico nel 2012, e che continuò per diversi mesi, riparta nuovamente e con l’aggravamento dell’obbligo di soggiorno e di firma due volte a settimana.

Fabrizio Corona “Io vivo regolarmente”

Ai giudici, Fabrizio Corona ha dichiarato di vivere regolarmente e di non violare la legge dal 2007-2008 svolgendo la sua attività, che lo ha riportato in Rai dopo dodici anni, con l’apertura anche di una testata giornalistica. Poi ha anche parlato dell’inchiesta sul calcioscommesse ammettendo che di star collaborando con la giustizia grazie ad un lavoro giornalistico che va di pari passo con la Procura di Torino.

Alle dichiarazione dell’ex re dei paparazzi, sempre come riporta Tgcom24, il presidente del collegio ha risposto: “Bisogna capire, però, come lei diffonde queste notizie” e prontamente Fabrizio Corona ha dichiarato che loro hanno le proprie fonti e che quello che avevano trovato lo hanno condiviso con i PM di Torino, ai quali è stato chiesto anche il permesso sulla pubblicazione dell’audio su Zaniolo.

I giudici hanno per il momento rinviato il procedimento e hanno richiesto l’acquisizione delle relazioni sul percorso detentivo di affidamento in prova degli ultimi 5 anni. Inoltre, è stata chiesta anche altro materiale come la documentazione attinente lo svolgimento di attività lavorativa e le condizioni di vita. Ma non finisce qui perché il PM Mauro Clerici ha chiesto di “verificare l’esito degli ultimi procedimenti” che sono a carico di Corona in questo momento.

Impostazioni privacy