Al Bano mai visto così furioso: “Tutti co***oni”, il cantante non ne può più e gli risponde per le rime

Al Bano non ci sta e risponde alle battute razziste del direttore di Libero Vittorio Feltri. Il giornalista proprio per questo motivo finisce a processo.

al bano contro feltri
Le dichiarazioni di Al Bano in risposta alle battute razziste di Feltri (Blueshouse.it)

Al Bano non le manda a dire a Vittorio Feltri. Qualche giorno fa è uscita la notizia che il direttore di Libero finirà a processo con rito abbreviato, il prossimo 24 settembre, per istigazione all’odio razziale a seguito di una serie di articoli ed interventi televisivi contro i meridionali.

L’agenzia di stampa AdnKronos ha, quindi, contattato Al Bano per chiedergli di commentare la notizia. Una scelta non causale quella della redazione; già in passato, infatti, il cantante di Cellino San Marco era intervenuto rispetto alle affermazioni del giornalista sui meridionali. Anche in questo caso, il cantante non ha avuto peli sulla lingua, lasciando intendere che ritiene più che giusto questo processo. “Da una persona che reputo così intelligente e preparata non mi aspetto battute così cretine, antistoriche e disumane – ha esordito Al Bano-. Uno può avere dei cali nella vita, e questo umanamente lo accetto, ma non accetterò mai quello che ha detto“.

Non si sceglie dove nascere

al bano commenta il processo di feltri
Al Bano commenta il prossimo processo di Vittorio Feltri (Blueshouse.it)

Non si sceglie dove nascere. Ed è questo un punto dalla quale continua la dichiarazione di Al Bano rispetto alla vicenda che vede coinvolto Vittorio Feltri. “Ma uno sceglie dove nascere? Che mi dia una risposta, e me ne farò una ragione“.

Al Bano ha sottolineato come, da uomo del Sud, sia stato capace di cambiare molte pelli, vivendo anche in altre città, come Milano nel nord Italia; “ma il rispetto, e sottolineo il rispetto -dice all’agenzia- che si deve avere per l’essere umano, deve essere totale“. Per il cantante pugliese è assurdo dover stare lì con il compasso ancora a tracciare la linea di separazione tra Nord e Sud del Paese.

E poi riporta l’esempio di grandi personaggi della storia d’Italia: “Anche il signor Aldo Moro è nato nel sud, Salvemini era del Sud, tutti coglioni?“, chiosa ironico Al Bano, che poi conclude il suo commento rivolgendosi direttamente al direttore con un invito ben specifico e con uno scaltro gioco di parole: “Caro Feltri, datti un filtro a quello che dici. Io non sarà mai contro di te, perché farei il tuo stesso errore“.

Una vicenda politica

La denuncia contro Feltri era arrivata da Saverio de Bonis, ex grillino ora Forza Italia, che riteneva appunto discriminatori e razziali gli interventi di Feltri contro i meridionali, in un un arco temporale circoscritto tra il 2017 e il 2020. Oltre ad Al Bano, anche lo scrittore napoletano Maurizio De Giovanni trova giusta la comparizione dinanzi al gup del giornalista. In sua difesa mediatica, invece, si sono presentati Pietro Senaldi -condirettore di Libero- e Augusto Minzolini editorialista de Il Giornale che credono nella piena assoluzione del direttore.

Impostazioni privacy