Albano tuona ancora contro Amadeus e annuncia: “Mi resta solo questo ora”

Brucia ancora l’esclusione da Sanremo e Albano non ci sta e alla presentazione di Berlino ha avuto modo di chiarire ancora una volta la sua posizione su Amadeus e Sanremo.

albano carrisi contro amadeus
Albano durante un’esibizione (Bluehouse.it)

Non è proprio andata giù ad Albano l’esclusione da Sanremo; il cantante di Cellino San Marco è da un mese ormai che non le manda a dire. Da quando Amadeus ha annunciato i partecipanti all’edizione numero 74 del Festival della canzone italiana, il cantante non solo è stato tra i primi a reagire ma ha anche sottolineato più volte come, a sua opinione, Amadeus non abbia neanche ascoltato il brano candidato. Un brano dedicato ai medici eroi del periodo del lockdown e che per ripicca ha cantato poi negli studi di Verissimo.

Un altro sassolino dalla scarpa, Albano se l’è tolto in occasione delle presentazione romana di Berlino-La Casa di Carta, serie Netflix spin-off della più conosciuta e apprezzata serie spagnola prodotta sempre dal colosso streaming. Incentrata sulla storia di Berlino appunto, prima delle vicende che tutti conosciamo, nella soundtrack della serie è stata inserita anche Felicità, forse il più famoso brano di Albano.

Proprio in occasione della presentazione Albano ha parlato come di riscatto la sua presenza all’interno della serie.

“Felicità su Netflix è il mio riscatto contro gli snob”, Albano sulla sua partecipazione alla serie

albano in berlino la serie
Albano Carrisi con parte del cast della serie Berlino (Blueshouse.it)

Interpellato da Il Messaggero, Albano ha avuto modo di parlare di diversi argomenti; in particolare di come, nonostante siano passati 40 anni dalla sua pubblicazione, Felicità è ancora un brano sulla cresta dell’onda.

Un uomo omaggio alla musica italiana da parte di Alex Piña, ideatore della serie, che già nella produzione madre aveva introdotto nella soundtrack prima Bella Ciao e poi anche Ti amo di Umberto Tozzi e Cerco un centro di gravità permanente di Battiato. Questa volta si può dire che abbia deciso di puntare su un brano più sicuro, visto il successo di Albano proprio in Spagna che lo vedrò, proprio nella prossima primavera, protagonista di una tournée che toccherà Madrid, Siviglia, Valencia e Barcellona.

La domanda su Sanremo però non poteva mancare. Albano, nelle settima scorse, aveva sottolineato come gli sarebbe piaciuto chiudere la carriera sanremese da concorrente e non da ospite come nel 2023. Così ripresentandosi per la settantaquattresima edizione credeva di essere già nella lista di Amadeus. Il direttore artistico gli ha però mandato un secco messaggio: “Con onestà devo dirti che non ti vedo a Sanremo in gara dopo il successo dell’ospitata dello scorso anno“.

Parole che il cantante pugliese non ha digerito e anche per questo parla di riscatto contro gli snob (riferendosi soprattutto alla critica, ndr) nel definire la sua presenza nella serie spagnola. Troppo spesso, a suo dire, Felicità è stata con pressappochismo.

La scoperta e le parole di Albano Junior

Albano ha poi anche raccontato che circa un mese prima del lancio ha saputo di questa sua speciale partecipazione alla serie e di come, una volta raccontato al figlio Albano Junior, sia stato proprio lui a fargli capire l’importanza di questa scelta. “Forse non ti rendi conto – pare abbia detto il 22enne- ma è una cosa straordinaria“.

Impostazioni privacy