Testo e significato di “Sì, certo l’amore”, il nuovo singolo di Marco Castoldi, in arte Morgan

Analizziamo il brano che ha segnato il ritorno in musica di Morgan. Sì, certo l’amore è la prima delle canzoni realizzate in collaborazione con Panella.

sì certo l'amore morgan significato del testo
Morgan, analisi di Sì, certo l’amore (Blueshouse.it)

Dopo anni passato lontano dal mercato della discografia, ma non dalla musica in sé, Marco Castoldi in arte Morgan prova a ricostruire un rapporto con questo aspetto della musica con la pubblicazione di un nuovo EP che segna la collaborazione con il poeta Pasquale Panella.

Il 23 febbraio è uscito l’EP che contiene Sì, certi l’amore in primo dei brani scritti in collaborazione. Insieme a questo ci sarà anche Non+tu, altro brano che anticipa l’uscita di un nuovo disco. L’EP contiene 8 tracce, oltre ai due brani sopracitati ci sono altri componimenti e variazioni, tra l’elettronica e l’orchestrale, che si basano sempre sul tema centrale del brano del primo brano pubblicato.

Sì, certo l’amore, un’analisi del testo

sì certo l'amore significato testo
Copertina EP, Sì certo l’amore (Blueshouse.it)

Sì, certo l’amore è uscito nel periodo delle polemiche legate ad X Factor e alla cacciata di Morgan dal tavolo dei giurati, così come l’EP è uscito sul mercato proprio il giorno in cui è stato annunciato che il Bugo-gate di Sanremo 2020 è finito in tribunale. Ancora una volta non un periodo facile per Castoldi che prova, con questa nuova collaborazione artistica, a mettersi alle spalle un po’ tutte polemiche. E un po’ ci riesce, prendendosi a dicembre la prima posizione della classifica Indie Music Like.

Dall’altra parte c’è Pasquale Panella uno dei maestri parolieri della musica italiana, considerando la proficua collaborazione con Lucio Battisti -ma ci sono, tra gli altri, anche Mango, Amedeo Minghi e Riccardo Cocciante, giusto per ricordare alcuni dei connubi più importanti.

Ma arrivando al dunque, com’è Sì, certo l’amore? È Morgan, genio e sregolatezza. Intanto gli elementi sonori, che ricordano il Morgan degli anni Novanta quello che ha reso celebre la sperimentazione dei Bluvertigo, musica elettronica che si sgretola per fare spazio a fiati e basso. E poi il testo che ruota tutto intorno al tempo dell’amore.

A quella capacità del sentimento di nascere come un lampo e di non più essere altrettanto veloce che nel mezzo incastra le persone, le rende spaesate e perse e gli fa perdere tempo nonostante l’amore non ci sia più: “e guarda quante volte si fa nominare, per significare quanto non è, anche perché se fosse noi non staremmo qui a parlarne, tu ed io“.

Impostazioni privacy