Eurovision, monta la polemica su una canzone in gara: “Insulta le donne”. La replica della cantante

Eurovision, monta la polemica su una canzone in gara proprio a pochi giorni dalla finale: “Insulta le donne”. La replica della cantante

Eurovision polemiche
Eurovision, esplode la polemica per la canzone discriminatoria – blueshouse.it

C’è davvero grande attesa per questo Eurovision, che è arrivato anche quest’anno portando con sé davvero tantissima musica. A rappresentare il nostro Paese sarà Angelina Mango, dopo la sua vittoria avvenuta al Festival di Sanremo di quest’anno. Come sappiamo bene tutti, questo è il metodo che in Italia viene utilizzato per scegliere chi mandare a rappresentare l’Italia: chi vince il Festival, automaticamente ha la possibilità di partire per questa incredibile esperienza. Quest’anno la gara era praticamente tra Angelina e Geolier, ma quest’ultimo è riuscito a trionfare soltanto nella serata cover, di conseguenza è stata Angelina a sollevare il leoncino della vittoria. Giovane, di talento è bellissima, Angelina adesso sta facendo i conti con una responsabilità davvero intensa, dal momento in cui lei è stato letteralmente chiesto di rappresentare l’Italia questa competizione musicale così importante.

Dunque ora si sta preparando a vivere questa esperienza davvero incredibile, a praticamente un anno e mezzo dal suo esordio ad Amici di Maria De Filippi. A pensare che Cristiano Malgioglio, che quell’anno anche era il giudice del serale, le disse che presto l’avremmo vista all’Eurovision: di certo Angelina non avrebbe mai potuto pensare che quella previsione di Malgioglio potesse rivelarsi così tanto veritiera. E invece ora si sta preparando a vivere una delle esperienze più emozionanti di tutta la sua vita. Alla fine non importa davvero come andrà, Angelina portare a casa questo ricordo bellissimo, e sicuramente saprà rendere onore al nostro Paese. Tutti sono molto curioso per la sua esibizione, dal momento in cui Angelina fin dal primo momento è sembrata l’artista davvero perfetta per questo tipo di esperienza, da momento in cui ha sempre avuto in un certo senso una sorta di impronta internazionale.

Eurovision 2024: scoppia la polemica per Zorra. La canzone finisce nel mirino

Eurovision polemiche
Eurovision, esplode la polemica per la canzone discriminatoria – blueshouse.it

C’è tanta attesa per Angelina, certo, ma in generale oramai l’Eurovision è un evento spettacolare nella sua totalità. Impossibile non apprezzare le bellissime esibizioni che vediamo in scena ogni sera, dunque alla fine non si può fare a meno di essere contenti se vince una nazione che, comunque sia, lo merita. Come in ogni competizione musicale che si rispetti, anche quest’anno non sono mancate le polemiche che stavolta hanno visto come protagonista la cantante spagnola Nebulossa. L’artista, che fa parte di un duo musicale, si è presentata da sola alla competizione musicale con un brano destinato a finire nelle polemiche. Ma cosa è accaduto di preciso? Capiamo insieme di ragioni per cui la Spagna si trova in questa situazione e per cui, oramai da giorni, le persone stanno richiedendo che l’artista venga squalificata.

Eurovision 2024: la Spagna al centro delle polemiche per il brano presentato

Proprio questa canzone è finita per mirino, e si è acceso un dibattito molto intenso in Spagna per via della parola “zorra”, ovvero il titolo della canzone, che letteralmente significa “volpe”, ma che lì viene utilizzata per dare della “put****” ad una donna. Proprio per questa ragione c’è chi addirittura ha chiesto il ritiro della cantante e chi invece l’ha difesa, e anche la stessa interprete, ha fatto presente che la parola, che nella canzone viene ripetuta all’incirca 40 volte, viene caricata di un significato nuovo, insomma in realtà è una canzone che sostiene le donne. In un certo senso, questo brano è una caricatura: viene fatto presente che le donne senza un uomo non possono fare tante cose, ma è una sorta di brano in chiave ironica.

La stessa Mara Maionchi, che quest’anno commenta la competizione musicale, l’ha criticata aspramente facendo notare comunque che questa parola non viene mai utilizzata per gli uomini. Insomma, in molti avrebbero preferito che la cantante evitasse, o almeno che la Spagna presentasse un artista con un brano meno rischioso di questo. In ogni caso oramai i giochi sono fatti, non ci sarà alcuna squalifica e adesso la Spagna, che fa parte delle big Five, vola direttamente in finale. Dunque non ci resta che dimenticare questa vicenda e andare oltre, con la speranza che le cose per l’Italia possano andare al meglio.

Impostazioni privacy