“La Storia”: trama e anticipazioni della fiction con Jasmine Trinca e Valerio Mastandrea

“La Storia”: trama e anticipazioni. Scopriamo cosa vedremo sulla Rai nella nuova fiction ispirata al romanzo di Elsa Morante

La Storia trama anticipazioni
Jasmine Trrinca in un frame de “La Storia” (Blueshouse.it)

È tra titoli per la tv più attesi del 2024, prodotto da Picomedia e Thalie Images in collaborazione con Rai Fiction e in coproduzione con Beta Film. Si tratta de “La Storia”, una delle nuove fiction in programma sulla Rai diretta da Francesca Archibugi che vede come protagonista Jasmine Trinca affiancata da Elio Germano, Valerio Mastandrea, Asia Argento e Lorenzo Zurzolo. “La storia”, presentata in anteprima al Festival di Roma, è un adattamento dell’omonimo romanzo, uno dei più celebri di Elsa Morante, oltre che uno dei più importanti del Novecento tanto da essere stato tradotto in oltre venti lingue.

“La Storia”: trama e anticipazioni

La storia cosa vedremo
Jasmine Trrinca in attesa in una scena de “La Storia” (Blueshouse.it)

“La storia” andrà in onda, a quanto si apprende, prima della messa in onda della quarta serie de “L’amica geniale”, altro grande successo targato Rai. Si compone di otto puntate di circa un’ora ciascuna. La protagonista è Ida Ramundo interpretata, appunto, da Jasmine Trinca, una madre vedova che, nel periodo della Seconda guerra mondiale vive a Roma insieme al figlio quindicenne Nino. La donna custodisce un grande segreto: è di origine ebraica.

Ma non è tutto. Ida viene violentata da un soldato dell’esercito tedesco e per lei la vita diventa sempre più complicata. Scopre di essere rimasta incinta, non senza vergona e paura, e dà alla luce Useppe mentre deve accettare che Nino parte per la guerra. Cavarsela durante i bombardamenti è difficile, Ida perde tutto e la vita diventa così una battaglia per la sopravvivenza, la sua e quella del piccolo Useppe.

Le difficoltà della fiction

“La sfida più grande di La storia – ha detto Jasmine Trinca a Varietyè quella di cercare di rappresentare come le persone semplici possano fare la storia senza fare nulla di straordinario”. La forza di questa fiction, infatti, si basa sulla semplicità, quella di una donna che non ha nessun potere e spesso reagisce in modo quasi passivo agli orrori della guerra ma è “attraverso le piccole storie di personaggi come lei che riusciamo a dare una profonda concretezza a quegli eventi storici” ha precisato l’attrice. Realizzare tutto questo non è stato facile. È stato necessario rendere autentico il mondo di quegli anni ed il modo di vivere semplice, di povertà e sofferenza di quella donna. Un impegno che per Rai Fiction e Picomedia è costato 17 milioni di euro.

Impostazioni privacy